Quanto costa la consulenza Industry 4.0 e cosa comprende

By | 04/04/2018

“Perche’ ti devo dare una percentuale del mio investimento ?”

 

Questa è stata la domanda che mi ha fatto un cliente, appena gli ho presentato la possibilità di richiedere la certificazione per un nuovo impianto.

Ammetto che non ho capito subito la domanda e me la sono fatta ripetere: cosa c’entro io con l’investimento effettuato?

E cosa c’entra il valore del bene con il costo della consulenza?

Vedendomi stupito, mi ha spiegato che le precedenti richieste di (presunti) esperti del settore erano in percentuale rispetto all’investimento del bene certificabile.

Mi chiarisco meglio: se io lavoro per un bene che è costato 600.000 €, guadagno più che se lavoro per uno che è costato 450.000 €, perché la fattura viene fatta su una percentuale di questi impianti, software o macchinari.

Quanto vale il mio tempo? e il tuo?

Il mio tempo e la mia competenza hanno valori diversi se fatti per beni diversi? Io non la penso affatto cosi.

Se lavoro (per ipotesi) su un bene di 10.000 € mi paghi 20 €? So bene anche io che per i piccoli beni non conviene chiedere la certificazione, era solo un esempio.

 

Ti voglio fare riflettere però su un’altra possibilità.

Se sono pagato a percentuale su cosa mi concentrerò di più? Sui procedimenti per la certificazione o sul valore del bene, magari inserendo dentro anche costi che non sono sostenibili, pur di avere un valore più alto?

E ancora, se il tuo bene è costato poco (in relazione ad altri) allora ci metterò meno tempo e meno attenzione?

 

Perdonami se sono cosi diretto, ma questo modo di lavorare non mi piace affatto.

Il mio obiettivo è diffondere le conoscenze ed aiutare le aziende ad ottenere benefici importanti. È giusto che tu sappia quanto potrebbe essere il beneficio e i costi ad esso collegati, compresa la mia consulenza. E ti posso garantire che, se mi metterai alla prova, l’impegno del mio team di lavoro sarà lo stesso, sia che il tuo bene valga 500.000 € sia che valga 10 milioni.

E perdipiù non dovrai accantonare un 2 o 5 % del tuo investimento sotto la voce “costo consulenza Industry 4.0”.

 

Anche perché, diciamolo chiaramente, i soldi li ha messi la tua azienda. Non io. Ed è giusto e corretto parlare a carte scoperte.

 

Non perdere questa preziosa opportunità e scarica i video gratuiti per saperne di più ed avere informazioni sulla legge e sulle tue possibilità di beneficio.

 

A presto,

Gian Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *